Paris-brest e compleanno del blog

DSC_0100

Due anni fa, proprio oggi, nasceva il mio blog. Avevo spesso pensato di raccogliere le mie ricette come una sorta di diario che mio figlio avrebbe potuto sfogliare ricordandosi il piatto e l’occasione per cui era stato cucinato ma avevo sempre immaginato una raccolta cartacea. Questo fino a che non ho conosciuto Sandra, che mi ha travolta con il suo entusiasmo e la sua generosità. Curiosando come sempre sul web mi ero infatti imbattuta in un rubrica mensile, Panissimo, che proponeva dei pani splendidi. Non avevo ben capito come funzionasse perché era ospitato ogni volta da un blog diverso ma avevo scaricato innumerevoli ricette e mi era cascato l’occhio sull’avviso che anche chi non possedeva un blog aveva la possibilità di pubblicare una sua ricetta di pane inviandola ad un indirizzo mail lì riportato (questo il suo post) Io avevo appena cotto dei panini alla zucca e quindi avevo inviato la ricetta e le poche foto che avevo scattato con il cellulare, cosa che facevo da sempre con le ricette per non scordarmi di averle provate. Mi aveva risposto proprio lei, la Sandrina, ringraziandomi per la ricetta e chiedendomi perchè non avessi un blog. “Ma figuriamoci.. Non saprei da dove incominciare” le avevo risposto ma questo non aveva minimamente intaccato la sua convinzione. “Dai, non fare storie. Ti dò una mano io” e questo spettacolo di donna, oltre al lavoro, ai figli e al suo, di blog, si è messa a costruire il mio e pure su misura. Mi è stata vicina nei momenti nei quali entravo nel pallone e pure nei momenti di crisi che col blog non ci entravano nulla. Le nostre quotidiane conversazioni su Facebook erano un appuntamento che aspettavo con impazienza e quando, ad appena 10 giorni dalla nascita del blog c’è stata l’alluvione con tutti i problemi che ha comportato alla mia famiglia, lei c’era e mi ha addirittura scritto il post e queste sono cose che io non dimentico. Il compleanno quindi lo devo in gran parte a lei e a lei lo dedico perché mi ha dimostrato che esistono ancora persone che si danno agli altri senza calcoli, senza valutazioni, senza secondi fini e questo, ancora prima di tutto il resto è stato il suo dono più grande ❤️

La ricetta della pasta choux è del pasticcere francese Jacquy Pfeiffer. Non ho modificato in alcun modo le sue indicazioni perché non si può modificare ciò che è perfetto!

4.8 from 4 reviews
Paris-brest e compleanno del blog
 
Prep. time
Cook time
Total time
 
Cominciate preparando tutto quello che vi servirà in modo da non dover correre poi qua e là provocando rallentamenti nella preparazione della ricetta. Vi serviranno: Una bilancia 1 teglia foderata di carta forno sulla quale avrete disegnato un cerchio del diametro di 18/20 cm circa 1 casseruola media d'acciaio 1 spatola di gomma oppure un mestolo di legno 1 frusta Planetaria o mixer 1 sac a poche Preparate anche gli ingredienti e setacciate la farina
Burro e Malla:
Portata: Torte
Cucina: french
Porzioni: 10
Ingredienti
  • Per la pasta choux:
  • 125 g latte intero
  • 125 g acqua
  • 110 g di burro all'82 % di grassi
  • 5 g (1 cucchiaino) di zucchero
  • 2 g (1/4 di cucchiaino) di sale marino
  • 140 g di farina 00
  • 220 di uova intere (dalle 4 alle 5)
  • Egg wash:
  • 50 g di uova
  • 5 g di panna fresca
  • Una piccola presa di sale marino
  • Per riempire e decorare:
  • 400 g di panna fresca
  • 120 g di zucchero a velo
  • un baccello di vaniglia
  • granella di zucchero
Istruzioni
  1. Preriscaldate il forno a 200°
  2. Nella casseruola pesate il latte, l'acqua, il burro, lo zucchero ed il sale
  3. Mescolate con la spatola/mestolo e poi passate alla frusta.
  4. Accendete il fuoco e portate al bollore pieno quindi, una volta che il burro e lo zucchero saranno ben incorporati al latte, spegnete subito la fiamma perchè i liquidi non si devono assolutamente ridurre. Il burro dovrà essere completamente sciolto.
  5. Aggiungete la farina in una volta sola e cominciate immediatamente a mescolare velocemente con la frusta in modo da uniformare il composto. Il tutto dovrà durare 30 secondi
  6. Ora si dovranno cuocere le proteine della farina. Rimettete su fuoco medio, riprendete la spatola/mestolo e cuocete mescolando continuamente finchè il composto non si sarà asciutto (1 minuto circa). Si capirà bene perché comincerà ad attaccarsi al fondo ed emetterà una sorta di sibilo.
  7. Togliete dal fuoco e trasferite nella vasca della planetaria con la frusta K.
  8. Mescolate l'impasto a velocità media per 30 secondi e poi abbassate la velocità e cominciate ad aggiungere le prime 2 uova una per volta aspettando che ognuna sia incorporata prima di aggiungerne un'altra. Ogni volta, nel momento in cui aggiungerete l'uovo, abbassate per un momento la velocità al minimo per evitare di spruzzarvi. Fermate la planetaria, ripulite i lati e mescolate il fondo in modo da non avere impasto attaccato che poi non si mescolerà al resto.
  9. Aggiungete ancora due uova sempre usando la procedura usata precedentemente.
  10. Ora dovrete capire se la pasta choux è della giusta consistenza. Fermate la planetaria, togliete la vasca e la frusta K e staccate l'impasto dai lati mescolando nuovamente anche il fondo con la frusta K. Inserite la K nell'impasto. Quando la tirerete fuori l'impasto dovrà attaccarsi alla frusta creando una specie di V. Se non lo fa, dovrete aggiungere o un altro pochino di uovo oppure del latte tiepido ma un cucchiaino per volta altrimenti otterrete una consistenza troppo liquida e ad ogni aggiunta mescolate nuovamente e fate la prova della V.
  11. Una volta che l'impasto sarà della giusta consistenza riempiteci la sac a poche.
  12. Fate 3 giri sulla carta forno uno all'interno dell'altro e uno sopra per creare uno spessore, come si vede nel video che segue la ricetta e che ho preso in prestito.
  13. Spennellate di egg wash, cospargete di granella di zucchero e cuocete per 20 minuti circa, fino a quando la pasta choux non si sarà ben gonfiata e poi abbassate a 160 perché dovrà formarsi la crosticina che permetterà al Paris brest di mantenere la forma una volta estratto dal forno. Ci vorranno altri 35 minuti circa. Il Paris brest dovrà assumere un bel colore dorato e dovrà suonare a vuoto. Per riempirlo usate la fantasia. Io avevo idee molto precise perché da piccola adoravo i Paris brest monoporzione che si trovano in pasticceria e che sono cosparsi di granella di zucchero e riempiti di panna montata e visto che il compleanno è il mio, mi sono accontentata

Qui il video che mostra come dare la forma

DSC_0095

DSC_0080

DSC_0084

DSC_0082

DSC_0086

28 Comments

  • edvige ha detto:

    Auguri per i due anni ben fatto e ben passati e continua cosi. Il dolce deve essere splendido ma troppo lavoro per farlo mangiare ad altri…:-(( visto che non devo…
    Buona giornata

    • burroemalla ha detto:

      Giusto Edvige. Nemmeno io lo avrei fatto se lo avessero dovuto mangiare solo gli altri ? Che peccato che tu non possa mangiare i dolci però poverina ? Spero che tu ormai non ne senta più così tanto la mancanza ma suppongo che se la ragione è la salute uno ce la faccia a resistere. L’unica cosa alla quale penso non potrei MAI rinunciare è la pizza ? Grazie degli auguri cara ❤️

  • tizi ha detto:

    due anni fa? soltanto due anni fa? come hai fatto a diventare così brava in così poco tempo? ho sempre pensato che tu avessi un blog praticamente da sempre, a giudicare dalle ricette così curate e originali e dalle foto perfette. hai fatto un lavoro splendido, lasciatelo dire!
    i miei più sinceri complimenti… e i miei più sinceri auguri 🙂

    • burroemalla ha detto:

      Ma va, tu sei troppo gentile Tiziana. La strada è lunga ed io sto imparando ogni giorno cose nuove (confesso che le foto sono la cosa che richiede più tempo rispetto al cucinare ?) e cerco di migliorarmi come fate tutte. Del resto penso che comunque un blog, con tutto il tempo e la cura che richiede, abbia un senso portarlo avanti solo se lo si fa volentieri, altrimenti c’è talmente tanto sbattimento e così poche soddisfazioni dall’esterno che non ne varrebbe proprio la pena ? Grazie di cuore per gli auguri ❤️

  • sandra ha detto:

    ecco, ecco… ora mi hai fatto lacrimare!
    ma guarda che tu hai sbagiato persona, mica sono io quella!
    ti voglio bene tesoro e so che ho fatto bene ad insistere perchè tu aprissi questo benedetto blog, avevo ragione o no quando insistevo????

    • burroemalla ha detto:

      Povera bischerella. Tu sei straordinaria e non mi far arrabbiare ok? E poi non volevo farti lacrimare tesorina mia ? ma solo farti capire che come te non ce ne sono tante, in giro. Grazie ❤️

  • Emmettì ha detto:

    Oh SIlvietta!
    Bellissimo post!!
    E che emozione leggerlo!!!
    Quindi galeotti furono i paninetti alla zucca!!!! Ahahahahhahahahahahah, bellissima ‘sta cosa!!
    Sai che ti dico? Sia benedetta la raccolta di Panissimo, ma soprattutto sia benedetta la Sandra ad averti spronata, sostenuta ed aiutata ad aprire il tuo blog!
    Scoprire che ci sono ancora persone che si mettono al servizio di altri, senza secondi fini, senza interesse alcuno ma solo per la voglia di condividere è una delle poche cose che oggi mi fa guardare il mondo con la Speranza nel cuore!
    Pensare poi che il primo post che ho letto è stato proprio quello che intitolava “chiuso per alluvione”…
    Potrei recitarlo a memoria, sai???? ♥

    Ed allora, tesorissimo mio, millemilioni di auguri per questo ed altri infiniti post che oggi condividi con noi e che domani saranno un bellissimo regalo per Edoardo. :-))))))
    Un abbraccio stritoloso e pieno di tutto il mio bene!!! ♥♥♥

    Ah, la torta!
    Beh, questo Paris-brest è semplicemente divino!
    Ci affondo un bel morso e sogno di gustarmelo insieme a te!!!!
    :-***************************************

    • burroemalla ha detto:

      Ma tesorina mia, eri tu la Maria Teresa che mi lasciò un commento al post sull’alluvione? Sai che col fatto che ti firmi sempre Emmettì non ti avevo riconosciuta? Ti voglio doppiamente bene allora perchè ricordo quanto effetto mi fece leggere il tuo commento che anch’io potrei recitare a memoria sai? Sei speciale speciale speciale, non mi stancherò mai di dirtelo amica mia e basteresti tu da sola per giustificare la nascita del mio blog ❤️❤️❤️

  • Andreea ha detto:

    Allora buon compliblog ! Penso che un pò tutte noi abbiamo cominciato con questo intento, di mettere le ricette come in un diario, comunque sono dei ricordi bellissimi che ci fanno maturare in tempo, imparando tante nuove cose. Questo dolce è favoloso, non potevi festeggiare di meglio ! Un abbraccio e buon proseguimento nel tuo percorso ! Claudia

    • burroemalla ha detto:

      Il mio intento era un pochino macabro forse perchè io pensavo a quando non ci sarei stata più, ma poi mi sono resa conto che comunque, mano a mano che trascrivo i ricordi mi diverto anche e quindi la cosa si è fortunatamente alleggerita passando da testamento a diario ???
      Grazie degli auguri Claudia. Cercherò di meritarmi le vostre parole ❤️

  • zia Consu ha detto:

    Che splendida dimostrazione d’amicizia..la nostra Sandrina è una gran donna, io l’ho sempre detto ^_^
    Tantissimi auguri al tuo blog, continua così 🙂

    • burroemalla ha detto:

      La Sandra è speciale davvero e mi ritengo davvero fortunata ad averla conosciuta. Purtroppo ci vediamo poco ma se il blog c’è è solo grazie a lei. Un bacione Consu ❤️

  • Ketty Valenti ha detto:

    Ma tanti cari auguri “Burro e Malla” sei un bocciolo giovanissimo e che bella la storia che lo accompagnia non così comune trovare persone speciali voi certamente lo siete.
    Mi piace molto il Paris Brest mai assaggiato ma l’aspetto mi ha sempre attratta prima o poi lo provo,baci <3

    • burroemalla ha detto:

      Grazie Ketty. È proprio vero, al di là di tutto il resto. Non avrei mai creduto possibile che così tanti rapporti virtuali potessero trasformarsi in vere e proprie amicizie e questa è la cosa più bella in assoluto. Mi piace ricredermi, dopo aver detto tante volte che i rapporti stretti sul web non erano veri rapporti e spero di togliere del tutto l’etichetta virtuale incontrando tutt’e voi di persona, prima o poi. Un bacione ❤️

  • Tam ha detto:

    Benedetto il giorno che sei apparsa su questi schermi!!! Sei adorabile, e non posso che ringraziare Sandra che ti ha dato la spinta giusta che cadere nelle nostre grinfie :))))
    Tantissimi auguri Silvia! passami una fetta di questo golosissimo parìbrest!

    • burroemalla ha detto:

      E io sono infinitamente contenta di essere arrivata a voi perché adoro tutte e tre anche se ne ho conosciuta solo una per ora ma se siete come la mia Emmettì vado sul sicuro. Chissà, magari prima o poi succede che ci vediamo. Io ho il cognato di Fragagnano, magari prima o poi capito dalle tue parti ? Un abbraccio forte forte e grazie degli auguri ❤️❤️❤️

  • Tam ha detto:

    oh? ma c’è la moderazione? prova prova

  • lisa ha detto:

    Auguri per questo bel traguardo!
    Ci infilerei un dito per assaggiare quella panna 😉

  • ipasticciditerry ha detto:

    Finalmente sono riuscita a venire a leggermi il tuo post … il tempo, mannaggia!! Bellissimo, non avrei voluto perdermelo per niente al mondo! Anche perchè siete due mie grandi amiche e stimo e apprezzo entrambe. Conosco bene la generosità di Sandra e te mi è bastato guardarti negli occhi una volta. Non ho mai fatto la Paris brest, lo sai? Prima o poi la devo fare, mi salvo la tua ricetta, vedi mai? Tanti auguri al tuo bellissimo blog tesoro. Se c’è tanta gente che passa di qua un motivo ci sarà, non credi? Un bacio grande

    • burroemalla ha detto:

      È stato lo stesso per me quando ho incontrato te e quell’altra meraviglia di persona, la Patty, per non parlare della Sandrina. Sarebbe bello trovarci tutte insieme qualche volta ? ma purtroppo queste amicizie virtuali si approfondiscono ma le distanze restano. Abitiamo tutte così lontane ? uffa!
      Per ora mi prendo i tuoi auguri e ti mando tanti tanti bacioni. In futuro, magari.. ?❤️

  • Valentina ha detto:

    Buon compliblog tesorino mio!!! Che questo sia solo l’inizio di ancora tante e poi tante soddisfazioni e felicità! Diventi sempre più brava, il Paris brest è uno dei dolci che più amo al mondo e il tuo è stupendo! Sono felice di averti conosciuta, spero di riabbracciarti presto. Sandra è una donna davvero in gamba, così come lo sei tu. Bellissima la vostra amicizia. Mille bacini a voi <3

    • burroemalla ha detto:

      Grazie tesorina. Una cosa è certa: questo blog, al di là del valore del blog in se che è soggettivo, mi ha fatto conoscere alcune persone molto speciali che, a distanza, sento comunque molto vicine e una di queste sei certamente tu. Un abbraccio grande ❤️

  • Angela ha detto:

    Buon compleanno! Bellissimo questo paris brest e ancor più bello è che questi nostri blog ci portano a conoscere tante persone speciali come è capitato a te con Sandra <3
    Un bacione
    Angela

  • Silvia ha detto:

    Ma sai che io iniziai a seguirti proprio in quel periodo? Non ricordo se già ti lasciavo commenti ma mi sa di sì.
    C’è modo di scoprirlo?
    Ricordo di essermi rattristata parecchio leggendoti.
    Questa torta choux è bellissima. Buon compliblog in ritardissimo, mia dolce omonima. ❤

    • burroemalla ha detto:

      Sul post dell’alluvione c’è un commento della tua socia Emmettì quindi magari ne avrete parlato, non so. Certo però che tu l’hai seguita e di questo ti/vi ringrazio perché siete state le prime a cominciare a mettermi commenti ❤️

  • Alessandro ha detto:

    Buon Compliblog..prima o poi ci arriverò anch’io ai due anni!!!

    I miei calici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rate this recipe: