Aloo palak tikki

Aloo palak tikki

Pensavate che avessi già chiuso le serrande per l’estate? In realtà in vacanza ci sono già e da quasi un mese ma proprio questo è stato il problema perché nonostante abbia comprato una scheda per la connessione appena arrivata al mare, la suddetta non ne ha mai voluto sapere di funzionare e non so neppure se ce la farò a completare questo, di post. La tecnologia, questa sconosciuta, delizia per la maggior parte del tempo e nemica in sporadiche occasioni ma guarda caso quelle occasioni capitano sempre quando non puoi ovviare in altro modo e così è stato perché qua non ho modo di usare alcun wifi. Comunque, in questa strana estate di incendi, postare non posterò ma certo continuo imperterrita a cucinare e la ricetta che spero pubblicherò oggi è una delle preferite mie e dell’adolescente, le aloo palak tikki: polpettine di patate e spinaci generosamente speziate, una delle tante straordinarie ricette vegetariane e vegan (se si omette il burro) della cucina indiana. Ho proposto spesso ricette indiane, di pani: roti e khara buns, formaggi: paneer makhani , la Tikka paste e ne avrei proposte molte di più se non fosse stato per il fatto che magari non tutti hanno voglia di comprarsi tutte le spezie che sono indispensabili per la riuscita di questa meravigliosa cucina. Nel corso degli anni ho acquistato numerosi libri, l’ultimo dei quali, India in cucina, è una vera e propria bibbia della quale non sono riuscita ancora a provare neppure un decimo delle ricette, ma le Aloo palak tikki restano comunque una delle ricette che preferisco. Questa volta ho voluto provare a prepararne di più e ad abbatterne col Fresco una metà già impanate e devo dire che non avrei mai creduto possibile tirare fuori dal congelatore delle polpette, tuffarti direttamente nell’olio bollente e trovarle ancora più buone di quelle fritte subito. Provare per credere… Infarinatele bene, mettetele su di una teglia coperta di carta forno e posizionatele nel congelatore fino a che non saranno dure e a quel punto le trasferirete in un sacchetto e le avrete sempre pronte, per quando vi prende la voglia. E se questo, nonostante tutto il mio impegno dovesse essere il mio ultimo post, anche se spero di salutarvi con il Re-cake, buona estate a tutti ❤️

Aloo palak tikki

Print Recipe
Aloo palak tikki
Tempo di preparazione 20 minuti
Tempo di cottura 15 minuti
Porzioni
15 tikki
Ingredienti
Tempo di preparazione 20 minuti
Tempo di cottura 15 minuti
Porzioni
15 tikki
Ingredienti
Istruzioni
  1. Per prima cosa lessate le patate con la buccia in acqua bollente. Mentre cuociono sciacquate bene gli spinaci e sbollentateli per 5 minuti in acqua bollente dopo di che scolateli ed immergeteli immediatamente in una ciotola contenente acqua ghiacciata. Scolateli, strizzateli bene, tagliateli abbastanza finemente al coltello e metteteli in una ciotola media. Una volta cotte, mettete le patate nello schiacciapatate con la buccia e tutto e passatele direttamente nella ciotola dove sono contenuti gli spinaci, aggiungendo una noce di burro. A questo punto proseguite solo se siete pronti per friggere perché una volta aggiunto il sale agli spinaci, gli spinaci, nel tempo, rilasceranno acqua e questo ovviamente sarebbe un problema. Appena prima di friggere salate, aggiungete la polvere di cumino, di coriandolo e 80 gr. circa di farina di ceci e mescolate velocemente. Aggiungete i restanti 20 gr solo se vi rendete conto che avete difficoltà nel formare le polpettine. Vi aiuterà bagnarvi leggermente le mani. Le tikki devono risultare compatte ma comunque abbastanza morbide. Passatele nella farina di ceci senza esagerare e poi poggiatele su di una teglia coperta di carta forno esercitandovi una leggera pressione per appiattirle un poco. Friggete in olio di semi di arachide a 180° lasciando abbastanza spazio tra una e l'altra. Basteranno circa 2,3 minuti per lato. Asciugate con carta assorbente e servite bollenti anche se vi posso assicurare che tiepide sono buonissime lo stesso e anzi, si apprezzano al meglio le spezie.


Aloo palak tikki

4 Comments

  • tizi ha detto:

    ma che buone queste polpettine! io già mi immagino una versione al forno dato che non sono particolarmente portata per la frittura… in questo periodo sto cercando di seguire un’alimentazione leggera e sana rivalutando l’uso di spezie, verdure e legumi quindi questa ricetta fa proprio al caso mio! spero di rivederti presto con la re-cake, se così non fosse ti auguro buon mare (e buon lavoro in cucina, come sempre)! un abbraccio grande!

    • burroemalla ha detto:

      Sai Tizi, io le ho fritte solo perché dovevo fare il post ma quando le preparerò di nuovo le cuocerò in forno oppure nella friggitrice ad aria. Anch’io friggo molto poco, 2 o 3 volte all’anno massimo. L’alimentazione che stai cercando di seguire è la mia da sempre perché non mangio carne da moltissimi anni ma mi fregano i dolci 😊.. Buona estate anche a te amica mia ❤️

  • mari ha detto:

    Buone!! ultimamente sto apprezzando moltissimo il cumino in polvere che fa subito “oriente” per ogni piatto!!
    Cos’è questa friggitrice ad aria??? com’è che funziona? adesso vado immediatamente a documentarmi!! 😀
    si perchè, non friggo mai, però alla fine… a carnevale a due fritelle non si rinuncia mai; alle punte di asparagi bianchi, si deve, sono di Bassano…; alla salvia e i fiori di zucca… si dai una volta ogni tanto! 😀 😀 dai una, dai due… altro che non friggo mai!!! e il giro vita s’allarga!! 😀

    • burroemalla ha detto:

      Dillo a me del giro vita. Ho appunto comprato la friggitrice ad aria nella quale però certe cose non le puoi fare, tipo le cose con la pastella. Patatine, polpettine, sofficini, polenta però vengono magnificamente e non è che fanno ingrassare meno.. beh, pazienza, di qualcosa si deve pur morire 😉Buone vacanze Mari 😘😘😘

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *